Sui luoghi di Mons. Alessandro Vitetti, il ‘girovago di Dio’. Primo tour del progetto “Gesti silenti” tra Cirò Marina, Rossano e Cariati

CIRO’ MARINA. Dal 4 novembre prossimo partirà il progetto “Gesti silenti” che ripercorrerà le orme del Servo di Dio, mons. Alessandro Vitetti, il sacerdote nato a Cirò Marina che trascorse buona parte della sua vita Cariati. “Gesti silenti” è un percorso progettuale finanziato dalla Regione Calabria e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali articolato in diverse attività, improntate su principi quali la socializzazione, l’integrazione e la solidarietà.

A tal proposito, nel corso del 2024, si concretizzeranno degli eventi destinati in particolar modo alla popolazione anziana o a chi vive situazioni di marginalità. Un progetto, dunque, che ha un chiaro ‘imprinting’ sinodale in quanto si propone di colmare vuoti affettivi e psicologici attraverso manifestazioni volte alla socializzazione e allo scambio culturale. Per meglio conoscere i luoghi del ‘girovago di Dio’ come mons. Vitetti era chiamato, è stato organizzato un tour che la mattina del 4 novembre partirà da Cirò Marina sua città natale. Il pullman che trasporterà i fedeli giungerà a Cariati per un doveroso omaggio alla tomba del sacerdote, allocata all’interno della Concattedrale di San Michele Arcangelo.

Il gruppo si sposterà poi a Rossano per una visita guidata al Museo Civico che custodisce il famoso Codex Purpureus Rossanensis, uno degli evangeliari più antichi al mondo. Per le 11.30 è prevista la Santa Messa nella Cattedrale dedicata a Maria Santissima Achiropita; a presiedere l’eucarestia sarà Mons. Maurizio Aloise, Arcivescovo di Rossano – Cariati.

Nel corso dello svolgimento del progetto sono previsti tre viaggi di natura turistico-religiosa che consentiranno ai partecipanti di essere edotti su tematiche di grande interesse e attualità e su realtà positive e propositive che contribuiscono al sano sviluppo del nostro territorio. Il modello a cui ci si ispira è proprio quello dei “piccoli gesti silenti per fare del bene sempre e comunque senza clamore e senza mai far saper l’origine” così come lo stesso Mons. Vitetti amava dire e fare.

In programma anche eventi musicali, teatrali e artistici di vario genere per approfondire la conoscenza della vita di Mons. Vitetti. Le attività sono in partenariato con le scuole del territorio e con l’associazione di volontariato “Anzianinsieme” Odv. La finalità è che tutti gli aderenti al percorso progettuale vengano considerati protagonisti attivi e non semplici e passivi spettatori.

Un cammino che vorrà far rivivere le tappe salienti dell’intensa esistenza di Mons. Vitetti, sacerdote che ha donato tutto di sè alle anime affidate alla sua cura: un presbitero che è emblema di semplicità e povertà materiale ma di alta levatura morale e spirituale. Il ‘girovago di Dio’ che per tutti è già santo ha lasciato un segno indelebile nella comunità in cui ha vissuto e operato, ergendosi ad esempio per le generazioni di oggi e per quelle che verranno.

leggi anche..

Conclusa, in Calabria, la XIX edizione dell’Assise nazionale “Città della nocciola”

È stata lodata la capacità di fare rete della governance locale, la capacità dei produttori …