Roberto Occhiuto: “Le atrocità dell’olocausto non si ripetano mai più, auspicabile percorso di pace in Medio Oriente”

”Il 27 gennaio del 1945 veniva liberato il campo di concentramento di Auschwitz: si sanciva così la fine dell’Olocausto. Oggi, come ogni 27 gennaio, celebriamo il Giorno della memoria e tutte le vittime della follia nazista. Lo sterminio degli ebrei, perpetrato con indicibili violenze in quegli anni, rappresenta uno dei più feroci crimini della storia dell’umanità. È nostro dovere ricordare – ancora di più in un periodo come quello attuale, nel quale l’antisemitismo sembra riemergere prepotentemente – la shoah, affinché simili atrocità non si ripetano mai più, e auspicando un percorso di pace e di reciproco riconoscimento tra popoli e Stati in Medio Oriente”.

Così Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

leggi anche..

I digital creators calabresi di Igers protagonisti alla Fiera internazionale ed al FestivaI sull’innovazione a Bologna

IgersItalia è partner della prima edizione bolognese di WMF – We Make Future. E la …