Accordo tra Centro per l’Impiego e Istituti alberghieri, Calabrese: “Indirizziamo i giovani verso l’occupazione”

“Abbiamo avviato con la Regione il piano di potenziamento dei Centri per l’impiego per rafforzare i servizi e dare l’opportunità al territorio di rivolgersi ai Cpi per trovare risposte adeguate alle esigenze dei cittadini, dei lavoratori e delle imprese”.

Lo ha detto l’assessore regionale al lavoro, Giovanni Calabrese, nel corso dell’iniziativa, che si è svolta questa mattina a Paola all’Auditorium Sant’Agostino, durante la quale è stato sottoscritto l’accordo tra Centro per l’Impiego e Istituti alberghieri alla presenza del Comune, di Anpal servizi e degli Ordine dei contabili.

“Si tratta di una atto – ha spiegato calabrese – che mette insieme più Istituzioni, un accordo di rete, è il caso di affermare, che ci condurrà realmente a creare insieme il futuro. Ogni giorno affrontiamo nuove sfide per dare la possibilità ai giovani, attraverso la presa in carico, l’accompagnamento, l’orientamento e la formazione sul campo, di essere indirizzati verso l’occupazione”.

L’assessore Calabrese, dopo aver ascoltato i vari interventi ha fatto una disamina del lavoro messo in campo con il Dipartimento regionale lavoro e welfare, rappresentato dal direttore generale Roberto Cosentino, il quale ha sottolineato che “i Centri per l’impiego siano ‘casa comune’ e con essi la Regione sta intraprendendo un percorso di rete indirizzato ad investire in qualità e quantità di servizi e Paola, in tutto ciò, è una realtà virtuosa”.

“Nel comparto del turismo, per esempio, si stanno adottando varie misure sugli incentivi alle assunzioni perché – ha evidenziato l’assessore Calabrese – le peculiarità del territorio vanno sfruttate e su questo dobbiamo investire insieme. Stiamo predisponendo politiche mirate per ripopolare i nostri borghi e stiamo lavorando in queste direzione con gli Enti locali, con le imprese e i Centri per l’impiego che hanno una funzione strategica. Tra i prossimi progetti, oltre lo sportello virtuale, inseriremo le figure dei job account che lavoreranno per promuovere i servizi alle imprese e staranno accanto alle aziende per informazioni e consulenza. Punteremo sulle imprese, sull’intraprendenza dei giovani e crediamo che il lavoro vero in Calabria è possibile, debellando il lavoro sommerso, piaga della nostra Regione”.

leggi anche..

Un calabrese ai vertici dell’ANAT

C’è anche un calabrese ai vertici dell’ANAT (Associazione nazionale agenti teatrali & spettacolo): si tratta …