In Toscana muore durante il lancio paracadutista di origini calabresi

Un Parà della Folgore, Gianluca Spina, 49 anni, originario di Cosenza, è morto dopo essersi lanciato per un addestramento nel territorio di Altopascio, in Toscana.
La Procura di Pisa ha avviato un’inchiesta su quanto accaduto. Secondo quanto si apprende il paracadute si sarebbe aperto regolarmente ma forse un malore gli avrebbe impedito di manovrarlo correttamente.

Spina era in servizio presso il 186/o reggimento Folgore di stanza a Siena.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino, esprime il proprio profondo cordoglio, a nome di tutta la Forza Armata e suo personale, alla famiglia del Sergente Maggiore Aiutante Gianluca Spina, tragicamente scomparso in servizio a Castelfranco di Sotto (PI).

Il Sottufficiale era un paracadutista militare e nel corso della sua carriera aveva evidenziato in ogni circostanza grande professionalità e spirito di servizio.

​Personale dell’Esercito ha immediatamente informato la famiglia e, sin dal primo momento, sta fornendo il massimo supporto logistico e psicologico alla stessa.​

leggi anche..

“Non dire niente, che m’attaccanu”, sospeso collaboratore scolastico di Taurianova, indagato per violenza sessuale nei confronti di studentessa tredicenne

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, coordinati dal Procuratore Emanuele Crescenti e dal …