Carceri, Rapani: «Rems, direttori e comandanti: l’azione del governo per migliorare i regimi detentivi»

«Non sono più tollerabili gli atti di violenza nelle carceri. A seguito dell’ultimo in ordine di tempo consumatosi nell’istituto penitenziario di Corigliano Rossano, vorrei ringraziare gli agenti di polizia penitenziaria, perché con la loro professionalità e con il loro senso del dovere hanno scongiurato il peggio e sventato il disegno criminale, evitando una rivolta». Così Ernesto Rapani, senatore di Fratelli d’Italia e membro della commissione Giustizia.

«Nelle scorse settimane insieme al sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro Delle Vedove, ci siamo recati in visita alla struttura. In quella occasione abbiamo sottolineato quanto sia importante dotare tutte le carceri italiane di un direttore ed un comandante titolari. A Corigliano Rossano nei giorni scorsi – spiega il senatore di Fdi – un detenuto già sottoposto a regime del 14 bis (al quale viene recluso chi mette in crisi la sicurezza della struttura, ovvero con violenza e minaccia impediscono l’attività degli altri detenuti), ha aggredito un agente addetto alla vigilanza della sezione, tentando d’impossessarsi delle chiavi per liberare tutti gli altri ristretti. Il gesto non ha causato grandi conseguenze grazie alla scaltrezza degli agenti e ad una catena di comando stabile all’altezza della situazione».

«L’episodio consumatosi nel penitenziario coriglianorossanese deve, però, indurre a riflessioni serie sui regimi carcerari che riguardano quei detenuti affetti da patologie psichiatriche. Proprio nel corso di quella visita – ricorda Rapani – il sottosegretario alla Giustizia non solo ha annunciato che entro la fine dell’anno tutte le carceri italiane saranno dotate di un direttore, del comandante del corpo di polizia penitenziaria e degli uomini previsti nella dotazione organica attraverso il reclutamento concorsuale già programmata (oltre mille assunzioni e corsi di formazione per 5mila persone), ma soffermandosi sui problemi causati dai detenuti problematici, ha sottolineato l’opportunità di curare i reclusi con disagi psichici in strutture sanitarie ad hoc, le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (rems), che garantiscano livelli di contenimento adeguate e cure specifiche. In questa direzione si sta muovendo l’azione del governo Meloni».

«Concluso con il manifestare solidarietà all’agente aggredito – chiosa Ernesto Rapani – al corpo di polizia penitenziaria, alla catena di comando ed al direttore dell’istituto».

leggi anche..

A Mendicino un partecipato incontro con protagonisti i giovani e la politica

Giovani che si mettono in gioco e che si ergono a protagonisti della vita sociale, …