Cosenza, proseguono a Palazzo dei Bruzi gli incontri con il Gruppo interreligioso dell’area urbana

Nell’ambito del percorso avviato dall’Amministrazione comunale, su impulso del Sindaco Franz Caruso, per favorire e valorizzare il dialogo tra le diverse realtà che operano sul territorio, con particolare riferimento alla necessità di salvaguardare le diversità, anche di carattere religioso, cogliendone il valore aggiunto, si è svolto a Palazzo dei Bruzi un nuovo incontro con il Gruppo interreligioso dell’area urbana Cosenza- Rende.

A promuoverlo, il consigliere comunale con delega ai rapporti con le comunità religiose, Francesco Turco, presenti anche, per l’Amministrazione comunale, il Vice Sindaco Maria Pia Funaro e l’Assessore al welfare, Veronica Buffone. Assente, per impegni precedentemente assunti, la Presidente della commissione consiliare per i servizi al cittadino, Alessandra Bresciani che aveva preso parte al primo incontro della fine di marzo. A rappresentare, tra gli altri, il gruppo interreligioso, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, Rosa Ciacco dell’Associazione Coesistenza, Barbara Montalto dell’Istituto Buddista “Soka Gakkai”, Simone Nardella, Presidente dell’associazione culturale islamica di Cosenza e Rende, Ahmed Berrau, rappresentante per la Calabria della UCOII (Unione delle comunità islamiche d’Italia), Anna Pagliaro della Comunità di S. Egidio,Giuseppe Santoro, membro della comunità di Fede Baha’i e Don Fabio De Santis dell’Ufficio diocesano per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso dell’Arcidiocesi Metropolitana di Cosenza-Bisignano. Maria Pina Ferrari del Segretariato Attività Ecumeniche, impossibilitata a partecipare, ha, invece, inviato una sua riflessione sulle ragioni della preghiera condivisa.

L’incontro si è sviluppato in maniera molto proficua ed anche in questa nuova occasione di dialogo e di confronto sono state portate all’attenzione del tavolo interessanti proposte e tracciati indirizzi per una costruttiva prosecuzione del rapporto tra il gruppo interreligioso e l’Amministrazione comunale.

E’ stata sottolineata l’importanza delle religioni nel processo di pace per l’esistenza in tutte di  principi universali che sono alla base del dialogo fra gli uomini, così come è stata evidenziata la necessità, soprattutto per le nuove generazioni, di un impegno che agevoli il pensiero e l’azione verso forme di altruismo che siano capaci di mettere da parte le spinte di sola realizzazione individuale. L’incontro è andato avanti ribadendo l’irrinunciabilità del dialogo interreligioso che dalla mera discussione teorica ha bisogno delle realizzazioni concrete che permettano di superare la complessità delle posizioni e di trovare soluzioni anche in presenza di criticità che, a volte, appaiono come insormontabili. A chiudere l’incontro, anche altre testimonianze, sull’importanza salvifica dell’accoglienza dell’altro da sé e sulla disponibilità all’ascolto e alla conoscenza delle reciproche differenze e tradizioni culturali e religiose, per diventare capaci di intendere e trovare valori condivisi e arricchimento delle reciproche identità. Il consigliere delegato ai rapporti con le comunità religiose Francesco Turco ha ringraziato i presenti per la partecipazione ed ha aggiornato l’incontro ad un nuovo appuntamento.

leggi anche..

Un calabrese ai vertici dell’ANAT

C’è anche un calabrese ai vertici dell’ANAT (Associazione nazionale agenti teatrali & spettacolo): si tratta …