Poste Italiane, genitorialità in azienda come valore, a Roges di Rende 17 portalettere mamma per i comuni dell’hinterland cosentino

COSENZA – Poste Italiane festeggia la Festa della Mamma, in calendario domenica 14 maggio, promuovendo anche nel cosentino una serie di iniziative a sostegno della genitorialità. La testimonianza delle 17 portalettere che lavorano nel centro di distribuzione di Roges, che include anche i centri di Camigliatello e San Giovanni in Fiore, sono un perfetto esempio dell’attenzione che l’azienda dedica ai propri dipendenti.

Per le neo-mamme, infatti ha pensato ad un percorso dedicato “Lifeed”, che ha come obiettivo quello di valorizzare le competenze maturate dalle dipendenti durante l’esperienza genitoriale: la gestione del tempo, l’ascolto, la pazienza, l’empatia e la comunicazione. Le capacità e le qualità acquisite come neo-genitore vengono potenziate grazie a un programma differenziato per fascia d’età che prevede momenti di dialogo e confronto.

“Avere un gruppo di dipendenti donne e mamme su cui puoi contare – spiega Maria Giovanna Lucente, responsabile del Cd di Roges – sicuramente aiuta molto nella condivisione e nel confronto quotidiano assolutamente necessario per pianificare al meglio il nostro lavoro”.
Le postine mamme di Roges servono 14 comuni dell’hinterland cosentino: Rose, Castrolibero, Marano Marchesato, Montalto Uffugo, San Pietro in Guarano, San Vincenzo la Costa, Casali del Manco, Celico, Rovito, San Giovanni i Fiore, Rende, San Benedetto Ullano, Lattarico e Rota Greca.

Poste Italiane è da sempre impegnata nelle politiche di parità di genere, della diversità e dell’inclusione e più in generale nella gestione delle risorse umane. Anche quest’anno, per il quarto anno consecutivo, Poste Italiane ha ottenuto infatti la certificazione “Top Employers” per la qualità delle politiche in tema di organizzazione e valorizzazione delle risorse umane.

leggi anche..

Un calabrese ai vertici dell’ANAT

C’è anche un calabrese ai vertici dell’ANAT (Associazione nazionale agenti teatrali & spettacolo): si tratta …