Articoli natalizi non sicuri, a Cosenza sanzionati 10 esercizi commerciali

I Finanzieri del Comando Provinciale Cosenza hanno sottoposto a sequestro oltre 281.000 prodotti non sicuri, fra oggettistica e addobbi natalizi, risultati privi di etichette o non conformi al Codice del Consumo.

Le attività, eseguite su tutto il territorio cosentino anche in ragione delle imminenti festività natalizie, hanno consentito di rinvenire centinaia di confezioni contenenti prodotti e addobbi per il natale, posti in vendita senza etichetta in lingua italiana, non recanti informazioni chiare e precise per la sicurezza delle materie e componenti nonché della filiera commerciale di provenienza.

In tema di tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti, il Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005) stabilisce, infatti, che i prodotti destinati al consumatore, commercializzati sul territorio nazionale, debbano riportare le indicazioni relative alla denominazione legale o merceologica del prodotto, all’identità del produttore, all’eventuale presenza di sostanze in grado di causare potenziale danno al consumatore nonché ai materiali impiegati e ai metodi di lavorazione. All’esito degli interventi, le Fiamme Gialle cosentine hanno proceduto a segnalare alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Cosenza i titolari dei 10 esercizi commerciali controllati, elevando sanzioni amministrative per oltre 250 mila euro.

Contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza significa contribuire a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo ove gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza.

leggi anche..

“Non dire niente, che m’attaccanu”, sospeso collaboratore scolastico di Taurianova, indagato per violenza sessuale nei confronti di studentessa tredicenne

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, coordinati dal Procuratore Emanuele Crescenti e dal …