Cosenza, Giornata Internazionale dei Musei il 18 maggio al Museo dei Brettii e degli Enotri

Dopo la Notte Europea dei Musei, il Museo dei Brettii e degli Enotri si appresta a celebrare, giovedì 18 maggio, la Giornata Internazionale dei Musei.

Come ogni anno, dal 1977, il 18 maggio l’ICOM (International Council of Museums) celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Musei. In questi ultimi anni la manifestazione ha conosciuto una notevole crescita, coinvolgendo quasi 30.000 musei in più di 100 paesi nel mondo. Il tema dell’International Museum Day 2023 è “Musei, Sostenibilità e Benessere”, un’occasione per sottolineare quanto i musei possano contribuire in modo determinante al benessere e allo sviluppo sostenibile delle nostre comunità. In quanto istituzioni autorevoli e tasselli rilevanti del tessuto sociale condiviso, i Musei rivestono una posizione unica per realizzare ricadute rilevanti, al fine di favorire un cambiamento positivo. Essi infatti possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile con diverse modalità: dalla lotta contro il cambiamento climatico alla promozione dell’inclusività, dalla lotta contro l’isolamento sociale al miglioramento della salute mentale.

Particolarmente sensibile al perseguimento di questi obiettivi, il Museo dei Brettii e degli Enotri, non poteva non aderire alla Giornata Internazionale dei Musei del 18 maggio, organizzando, per l’occasione, in collaborazione con l’Associazione culturale Μεράκι e con l’organizzazione no-profit Ri-ForMap, un’attività pomeridiana dal titolo RILASS-ARTI AL MUSEO, scandita da due appuntamenti. Il primo, alle ore 16,00, con ingresso e visita guidata al prezzo speciale di 5,00 euro. Il secondo, previsto alle ore 17,00, con la partecipazione ad un laboratorio gratuito durante il quale i partecipanti verranno guidati alla conoscenza delle proprie risorse creative, in un percorso che trarrà ispirazione dai reperti custoditi nelle sale espositive del Museo.

Il laboratorio, della durata di 90 minuti e realizzato dall’arte-terapeuta Alessandra Bresciani, è rivolto a persone adulte: a curiosi, a chi lavora con passione, a chi danza, disegna, suona, a chi insegna e a chi educa, ai diplomati in discipline artistiche, a tutti gli operatori della relazione d’aiuto e a chi vuole avvicinarsi all’utilizzo di questi linguaggi per entrare in contatto con le proprie risorse creative.

E tutto questo perché il Museo è un luogo che appartiene alla memoria collettiva e può ampliare i benefici dell’esperienza, anche dal punto di vista sociale e relazionale.

Per info e prenotazioni telefonare allo098423303.

Il 19 maggio, invece, sempre al Museo dei Brettii e degli Enotri, si terrà l’appuntamento conclusivo della rassegna “Primavera Mediterranea”, avviata in collaborazione con l’Associazione culturale Μεράκι lo scorso 21 marzo con l’inaugurazione della mostra “Mediterraneo” (ancora fruibile per gli ultimi giorni fino a domenica 21 maggio). Per quest’ultimo appuntamento, sarà la musica ad essere protagonista, con la presentazione del libro “Basta Tarantelle. Antropologia della nuova musica popolare” di Danilo Gatto, docente di Etnomusicologia al Conservatorio “Tchaikovsky” di Catanzaro. Dopo i saluti della Consigliera comunale delegata alla Cultura, Antonietta Cozza, della direttrice del Museo, Marilena Cerzoso e della vicepresidente dell’Associazione culturale Μεράκι, Claudia Melicchio, l’autore del libro, profondo conoscitore della musica popolare calabrese, traccerà un excursus del contesto in cui si è mossa negli ultimi anni, tra festival, eventi e politiche turistico-culturali.

Insieme a Danilo Gatto, anche il cantautore Fabio Macagnino che, con Gabriele Macrì e Rocco Montepaone, accompagnerà la presentazione con una serie di interventi musicali.

leggi anche..

A Rave before l’Iliade, Achille Lauro il 21 agosto all’anfiteatro De Rosis di Corigliano Rossano con il suo nuovo tour

Farà tappa anche in Calabria “A Rave before l’Iliade”, il nuovo tour estivo che Achille …