Il 17 settembre, al Museo dei Brettii e degli Enotri, la Festa della Consulta Intercultura della città di Cosenza

E’ in programma domenica 17 settembre, al Museo dei Brettii e degli Enotri, alle ore 11,00, la prima Festa della Consulta Intercultura della città di Cosenza, di cui fanno parte le comunità e le associazioni straniere presenti sul territorio cosentino. La Consulta si è ufficialmente costituita nei mesi scorsi ed il 6 luglio ha eletto anche il suo Presidente, Ibrahima Deme Diop. L’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Franz Caruso, grazie alla sinergia tra la consigliera delegata alla Cultura, Antonietta Cozza, la consigliera comunale Alessandra Bresciani, presidente della commissione consiliare servizi al cittadino, promotrice della Consulta Intercultura, e l’Assessore al welfare Veronica Buffone, ha inteso promuovere la Festa di domenica 17 settembre che vuole essere un’occasione per far conoscere a tutta la comunità cosentina la Consulta, con i suoi obiettivi e le sue attività. Sarà, soprattutto, un momento di condivisione, da parte di ogni comunità straniera a Cosenza, delle proprie tradizioni, artistiche, artigianali, musicali e anche quelle gastronomiche. Il programma della Festa prevede, infatti, l’allestimento di una mostra di arte e artigianato e l’esibizione di un gruppo musicale ecuadoriano e cantanti della comunità nigeriana. In conclusione, grazie al sostegno della Gioielleria Scintille, ci sarà anche un momento di convivialità. Obiettivo della Consulta Intercultura è lavorare insieme su tante tematiche che riguardano la città di Cosenza e sulle quali ci sarà un confronto costante per costruire un percorso partecipativo e delle progettualità comuni, in funzione di una integrazione sostanziale che coinvolga e veda protagonisti sia i cittadini stranieri, sia quelli italiani.

leggi anche..

A Rave before l’Iliade, Achille Lauro il 21 agosto all’anfiteatro De Rosis di Corigliano Rossano con il suo nuovo tour

Farà tappa anche in Calabria “A Rave before l’Iliade”, il nuovo tour estivo che Achille …